CHI SIAMO

|

PROGETTI e INIZIATIVE SOLIDALI

|

SOSTEGNI A DISTANZA

|

COSA PUOI FARE TU

|

CONTATTI

News

 

 

Una crisi umanitaria invisibile in India

09/08/2020

 

Lo stato e le classi ricche e medie rimangono indifferenti mentre milioni di persone scivolano nella fame cronica e nella povertà intensa
I poveri lavoratori dell'India sono in gran parte scomparsi anche dalle pagine interne dei giornali e dagli schermi televisivi. È come se, dopo che il paese si è gradualmente sbloccato e la maggior parte dei migranti è tornata a casa, l'angoscia straziante della fame di massa e dell'improvvisa disoccupazione che ha tormentato le loro vite fosse in qualche modo passata. La realtà è completamente l'opposto. L'impatto devastante della chiusura senza precedenti dell'intera economia, già in recessione, durerà a lungo. Tuttavia, l'immensa sofferenza dei poveri è stata resa invisibile dall'indifferenza collettiva dello Stato, dei ricchi e delle classi medie.
Scivolando più a fondo nel bisogno
Sulle rive del fiume Yamuna , adiacente al più grande terreno di cremazione di Delhi, si trova un terrapieno che ospita 4.000 senzatetto. In tempi normali, sopravvivevano svolgendo un lavoro salariato occasionale, principalmente nei ristoranti o nelle costruzioni. Il lavoro era incerto e sempre sottopagato; tuttavia sono riusciti a tenere a bada la fame cruda mangiando cibo fornito da enti di beneficenza religiosi.
Li ho incontrati di recente. La loro miseria e disperazione erano palpabili. Non c'è ancora lavoro e gli enti caritatevoli non sono ancora adeguati a fornire cibo gratuito ai poveri. Il governo di Delhi ha quasi concluso il suo programma di distribuzione di cibo cotto gratuito. Al culmine del programma, circa un milione di persone venivano nutrite in oltre 1.000 centri. Allora ero critico nei confronti dell'umiliazione di costringere le persone a fare la fila per ore ogni giorno per un mestolo di cibo. Ma anche se avrebbe potuto essere organizzato con più compassione e rispetto, quella era ancora un'ancora di salvezza pubblica cruciale per le persone spinte dalla fame. Con quell'ancora di salvezza spezzata, oggi non c'è più niente tranne piccoli enti di beneficenza privati per proteggere i poveri dalla fame.
Ci sono comunità di Dalit - che anche in tempi normali sono sopravvissute alla fame. Prima dipendevano dalle rimesse dei migranti per la loro sopravvivenza; oggi devono sfamare i migranti che sono tornati. Anche i braccianti agricoli, i tessitori, gli artigiani, i lavoratori a domicilio, i tiratori di risciò e i venditori ambulanti hanno sempre vissuto vite precarie. Ma oggi essi hanno molto bisogno. E ci sono milioni di nuovi arrivati nelle file degli affamati, inclusi i lavoratori licenziati di piccole imprese e ristoranti, lavoratori domestici e persino insegnanti di scuole private a basso reddito.
Tutti questi lavoratori, e altre decine di milioni, si stanno preparando a convivere con la fame cronica. Il primo è eliminare dalla propria dieta latte, verdura, frutta, uova e carne. Molte famiglie riferiscono di mangiare solo riso grosso e roti (specie di piadina) con sale. Il passo successivo è ridurre l'assunzione di cibo, abbattendo sia la quantità consumata durante ogni pasto che il numero di pasti, insegnando al proprio corpo a sopportare sempre meno. Man mano che le famiglie scivolano più in basso, aumenta il numero di notti in cui devono dormire affamate. I bambini che prima potevano dipendere dalla scuola o dal centro prescolare per almeno un pasto nutriente vengono ora inviati al lavoro.
Fallimenti della politica pubblica
Numerosi rapporti globali avvertono che centinaia di milioni di persone vengono spinte nella povertà estrema e nella fame a causa degli impatti economici a causa del blocco e della pandemia. Un documento dell'Università delle Nazioni Unite stima che 400 milioni di nuovi lavoratori corrono il rischio di scivolare in una povertà estrema, inferiore a 1,90 dollari al giorno. Ciò che è ancora più preoccupante è che "è probabile che la posizione della povertà globale si sposti verso i paesi a reddito medio e l'Asia meridionale e orientale". L'impatto potrebbe intensificarsi a causa di "condizioni preesistenti di sistemi di protezione sociale frammentati o insufficienti" e potrebbe durare "anni a venire.
Abbandonato dallo Stato
Anche prima della pandemia, l'India è scivolata al 102 ° posto nel Global Hunger Report del 2019 che classificava 117 paesi. Era rimasto indietro rispetto ai suoi vicini Nepal, Pakistan e Bangladesh. Anche l'economia balbettava, con la disoccupazione ai massimi da 45 anni. Nel bel mezzo di questa crisi , è stato imposto il blocco più rigoroso del mondo, quasi arrestando sia la domanda che l'offerta dall'oggi al domani. Man mano che l'infezione da COVID-19 si diffonde negli Stati con i sistemi sanitari pubblici più danneggiati, come Bihar e Uttar Pradesh, e con i senzatetto ei poveri esclusi dalle strutture sanitarie altamente privatizzate nelle città, i problemi dei poveri si aggraveranno ulteriormente. Mentre il virus devasta i corpi indeboliti dalla fame e dall'angoscia, questi rimangono abbandonati dallo stato, senza un accesso affidabile alle cure.
In tutto questo, i politici, i media e la classe media rimangono colpevolmente indifferenti. Con milioni di persone che scivolano invisibilmente nella fame cronica e nell'intensa povertà, l'India sta precipitando silenziosamente nella sua più grave crisi umanitaria in oltre mezzo secolo.
Harsh Mander
è un autore indiano , editorialista , ricercatore, insegnante e attivista sociale È stato anche commissario speciale presso la Corte suprema dell'India nella campagna per il diritto all'alimentazione ed è stato membro del Consiglio consultivo nazionale del governo indiano.
Articolo pubblicato sul quotidiano THE HINDU del 7 Agosto 2020

 

Photogallery

 

 

 

 

Torna indietro